Gnomi Melodia e Grazia
Tra le curiosità di Breslavia al primo posto sono di certo…gli gnomi!
Si tratta di statue, solitamente di piccole dimensioni, collocate in numerosi punti della città che richiamano appunto agli gnomi, cioè simpatiche creature fantastiche della tradizione popolare, soprattutto del Nord Europa.

Questi gnomi sono simpaticissimi, tutti diversi l’uno dall’altro. Alcuni sono davvero piccoli, altri di dimensioni più grandi. Sono stati realizzati con vari materiali: bronzo, gesso, plastica o rame.

Per trovarli bisogna guardare non solo in terra, accanto ai propri piedi, ma anche in alto. Alcuni sono persino capaci di arrampicarsi su muri e lampioni!

Sebbene siano un elemento di forte attrazione turistica e suscitino la straordinaria curiosità dei più piccoli, non sono affatto un operazione di marketing. La loro origine ha fondamenti storici ed è legata al movimento anti-comunista degli anni ’80, con radici a Breslavia, definito “Alternativa Arancione”.
I componenti di questo movimento politico erano soliti fare propaganda scrivendo sui muri, tuttavia le loro scritte venivano continuamente cancellate dalle autorità. Così iniziarono a disegnare immagini di gnomi, usate per mettere in ridicolo il governo.

Graffito di Alternativa ArancioneI primi gnomi non furono dunque statue ma graffiti usati per esprimere dissenso verso il sistema comunista in modo divertente e pacifico. I primi due gnomi apparvero nella notte tra il 30 e il 31 agosto del 1982 nei quartieri di Sępolno e Biskupin.

Nell’arco di un anno in diverse città polacche apparvero più di 1.000 graffiti raffiguranti gnomi! L’apice di questo movimento ci fu il 1 giugno 1988, quando venne organizzato un happening definito “Rivolta degli Gnomi”. Diecimila o ventimila persone (non esistono numeri ufficiali) attraversarono le vie di Breslavia indossando un cappello da gnomo. Per lungo tempo non si parlò più di queste simpatiche creature in città. Ricomparvero di nuovo quando l’agenzia pubblicitaria “Vaniglia” propose all’Ufficio della Promozione di Breslavia di sfruttare l’immagine dello gnomo come simbolo della città.
Nel 2001, per ricordare il movimento e la sua attività, è stato collocato in ul. Świdnicka un monumento di grandi dimensioni che rappresenta uno gnomo con la forma di un pollice. In seguito, pian piano, altre statue raffiguranti gnomi sono cominciate ad apparire in diverse zone della città. Ormai sono divenute un vero e proprio simbolo di Breslavia.

Si può dire che negli ultimi anni sia esplosa una vera e propria “gnomopazzia” (neologismo coniato dagli autori del sito :)! A questo proposito il 1 settembre del 2003 è stata apposta sui muri del palazzo “Jaś” una targa con la scritta “Museo degli Gnomi in costruzione”.  La curiosità è che la scritta si trova all’altezza delle ginocchia di un uomo adulto, in pratica è stata realizzata per gli gnomi!Gnomo amatore

Ma le “gnomopazzie” non finiscono qui. Il 24 ottobre 2003, accanto alla Chiesa di Santa Elisabetta, è stato scavato un sito destinato all’insediamento di nuovi gnomi. I primi 5 gnomi vi sono stati collocati nell’agosto 2005: lo Spadaccino, il Macellaio, il Lavatore dell’Oder e i due gnomi di Sisifo.

Alla domanda se i cittadini non si siano ancora stancati di questi nuovi piccoli abitanti, la risposta è decisamente…no! Anzi, essi hanno adottato subito l’idea ed hanno cominciato a sfruttarla. Nel 2007 è apparso il primo gnomo commerciale, finanziato a scopo pubblicitario da un locale che vende pierogi. Anche i privati stanno al gioco. Ad esempio sono stati realizzati due gnomi per abbellire delle ville, si chiamano “Amorino” e “Privatino”.

La fantasia non ha confini. Ci sono gli gnomi non udente e non vedente, il dottore e il paziente, il chirurgo, il chimico, il commercialista, il viaggiatore, il farmacista, l’albergatore, l’oculista, il collezionista, il postino, l’aviatore, il lunatico, il sognatore, il fortunato, il matematico, l’innamorato, il motociclista, il muratore, il narcisista, il solitario, il giardiniere, il guardiano, il professore, il riciclatore, il tesoriere, l’artificiere, il macellaio, il veterinario, il prigioniero, il volontario, e cosi via…. Ci sono diversi gnomi viaggiatori, musicisti, acquatici. C’è una coppia di gnomi sposi e un’intera famiglia di gnomi, composta dal marito, della moglie incinta e dai due figli di cui uno in seggiolino.

Naturalmente gli gnomi sono adorati dai bambini e in generale rappresentano l’attrazione più amata dai turisti. Vengono addirittura organizzate visite guidate per andare alla loro ricerca.

E’ stata anche creata una mappa cartacea che aiuta a trovare gli gnomi, tuttavia andrebbe ristampata continuamente, considerando che nuove statuine spuntano come funghi. Esistono comunque siti dedicati al tema ed anche un’applicazione per smartphone costantemente aggiornata con l’indicazione di dove essi si trovino. Nel nostro sito potrai trovare la lista aggiornata di tutti gli gnomi in città.

Krasnal Info
Krasnal Info. L’Info Point degli gnomi

Nei pressi del Rynek c’è pure un negozio ispirato proprio agli gnomi. Si tratta di una sorta di Info point degli gnomi, non a caso denominato “Krasnal Info”. Lì si vendono souvenir e oggetti vari che richiamano a questi simpatici personaggi di Wroclaw.

Ogni anno a settembre si tiene un Festival cittadino denominato “Festiwal Krasnoludków”.

Attualmente questi divertenti nanetti sono quasi 300 e il loro numero cresce continuamente!
 
Vai all’Elenco completo degli Gnomi

 

 

 

Mappa degli Gnomi

 

 
 

 Gli Gnomi di Sisifo
Gli Gnomi di Sisifo

 

 

Lo gnomo Lavatore (sono davvero dappertutto…)
Lo gnomo Lavatore (sono davvero dappertutto…)

 

 

Pierognomo …nome in versione italiana (di invenzione degli autori del sito) dello Gnomo del Pieróg. I Pierogi sono un famosissimo piatto polacco, hanno forma di mezzaluna e a seconda della loro farcitura possono essere dolci o salati.
Pierognomo … nome ideato dagli autori del sito per Pierożnik, letteralmente Gnomo dei Pierogi, famoso piatto polacco.